guida di viaggiocome organizzare un viaggio fai-da-te

la guida di Mafalda per viaggiatori indipendenti e consapevoli!

1 perchè un viaggio fai da te

2 scegliere la destinazione

(3) documentarsi

4 ricerche e prenotazioni online

5 trovare un volo conveniente

6 scelta dell'alloggio

7 sicurezza in viaggio

viaggiare fai da te
guida di viaggio organizzare un viaggio in maniera indipendente

(3) Documentarsi, prima di tutto

guida di viaggio

La cosa fondamentale da fare, molto prima di prenotare qualsiasi cosa, è documentarsi in maniera approfondita.

É indispensabile infatti procurarsi da soli tutte le informazioni utili per i documenti e le misure sanitarie necessarie per il viaggio. Questo sarebbe auspicabile che lo facesse qualsiasi viaggiatore responsabile, ma se organizzate tutto da soli diventa assolutamente indispensabile.
Non è bello presentarsi all'imbarco di un volo ed accorgersi che il proprio passaporto è scaduto o scoprire una volta già arrivati a destinazione che è in corso un'emergenza sanitaria nel paese e non si sono prese in anticipo le dovute informazioni e precauzioni.

Quindi documentarsi, sì, ma come? I canali più importanti a tal fine sono:

siti del turismo dei paesi

Ogni paese che sia una valida destinazione turistica, ha un suo sito web ufficiale del Turismo: consultatelo! Qui di seguito un esempio dei siti ufficiali di alcuni paesi che ho visitato, e che si sono rivelati molti utili per la consultazione e per l'organizzazione di un viaggio fai-da-te:

SITO UFFICIALE DEL TURISMO DELLE ISOLE SEYCHELLES >>

LES ILES DE LA GUADELOUPE Sito Ufficiale del Turismo delle Isole di Guadalupa>>

Turismodecanarias.com Sito ufficiale del Turismo delle Isole Canarie>>

VISIT DENMARK Sito Ufficiale del Turismo della Danimarca>>

Viaggiare Sicuri: il sito del Ministero degli Esteri

Indispensabile per essere aggiornati su tutte le notizie ufficiali che riguardano la sicurezza nei vari paesi, i documenti richiesti, le precauzioni sanitarie ed il clima. Ogni Paese ha una sua scheda e vengono messe in evidenza le zone a rischio.

Ecco il link di VIAGGIARE SICURI, il sito del Ministero degli Esteri Italiano: http://www.viaggiaresicuri.it/

Guide cartacee, e-book.

Le guide cartacee sono ancora il classico di ogni viaggiatore informato; c'è solo l'imbarazzo della scelta, io preferisco quelle con molte informazioni e poche foto!
Oltre alle universali Lonely Planet, ottime sono le GeoGuide del Touring (purtroppo in esaurimento di stampa ma forse si possono trovare usate), quelle della collana Bradt e le Rough Guides.
Attenzione anche alla data di pubblicazione: spesso in pochi anni prezzi, orari e informazioni che riguardano le attrazioni possono variare di molto, conviene sempre acquistare la più recente anche se costa di più.

In genere tutte le guide sono acquistabili anche in numerosi bookstore online ed in molti casi anche in versione e-book, consultabili cioè sul proprio smartphone o tablet:

AMAZON ITALIA ONLINE STORE

TOURING CLUB STORE ONLINE

BRADT TRAVEL GUIDES STORE ONLINE

ROUGH GUIDES TRAVEL STORE

La Feltrinelli Online Store

Lonely Planet Store

Communities di Viaggiatori, Forum di Viaggi.

Le web communities di viaggiatori sono guide molto utili per chi è alla ricerca di informazioni ed a volte anche nella ricerca dell'ispirazione per un viaggio; costituiscono una miniera d'oro di informazioni, a cui mi piace attingere e contribuire, sempre nello spirito della condivisione di esperienze. La maggior parte di questi contenuti sono consultabili da chiunque, altri sono riservati soltanto agli utenti iscritti e registrati.
Molte notizie attinte in queste communities si sono rivelate di fondamentale importanza per la buona riuscita dei miei viaggi, proprio perchè basate sull'esperienza diretta (e molto spesso aggiornata in tempo reale) di altri viaggiatori. I più importanti e meglio strutturati ai quali io attingo e contribuisco sono:

IL GIRAMONDO, forum di viaggiatori con sezioni dedicate anche ai video, foto, diari di viaggio, social groups e blog di viaggio.

Questo sito è ben strutturato e gestito dagli amministratori; il suo punto di forza sta nel forum, in cui si possono trovare informazioni dettagliate su praticamente qualsiasi cosa, la vastità degli argomenti trattati è inimmaginabile. Si spazia dai migliori/peggiori ristoranti alle Seychelles, fino ai minimi particolari che riguardano le esperienze di volo con le compagnie aeree, ai consigli per scattare le più belle foto oppure a quelli su quale sia il miglior villaggio turistico in Mar Rosso adatto alle vacanze con bambini.... c'è veramente di tutto!

Ogni utente può inserire i propri contributi previa registrazione, aprire un blog per fare in modo che altri viaggiatori possano seguire il proprio viaggio in diretta, oppure aprire o partecipare ad un social group in cui ritrovarsi a chiacchierare a ruota libera sui vari argomenti concernenti i viaggi.

Blog di Viaggi e Travel Blog

Un discorso diverso meritano i blog di viaggi, che sono una realtà completamente diversa dalle community di viaggiatori. Io stessa scrivo anche su un blog oltre che su questo sito, e posso affermare che scrivere un post è qualcosa di molto diverso rispetto a scrivere un diario di viaggio oppure un reportage. Innanzitutto la differenza principale sta nella velocità: per scrivere un post un minimo ragionato e con qualche foto (dipende dall'argomento) ci si può impiegare un'oretta. Per scrivere un diario di viaggio, invece, io a volte impiego intere settimane!!! Anche leggerlo, un post, quindi, può essere più veloce e/o piacevole piuttosto che leggere un lungo diario di viaggio... tutto questo dipende dai gusti e dalle attitudiini delle persone e da ciò che si sta cercando in quel momento, se la lettura di una notizia interessante ma breve oppure un racconto da gustarsi senza fretta.

Esistono vari tipi di Blog, quasi sempre si tratta di diari personali, in altri casi invece alcune persone si riuniscono e si organizzano per scrivere di tematiche legate ai viaggi. Essendo una realtà in forte espansione (grazie anche alla facilità con la quale è possibile aprire blog gratuiti su piattaforme come Blogger e Wordpress) ormai se ne possono leggere e trovare di tutti i tipi nel web, io stessa ne seguo parecchi. Farei però delle distinzioni in merito a quattro tipi di Blog di viaggi che si possono incontrare, per sapere con cosa si ha a che fare:

  • Blog aggregatori di notizie.. questi sono dei network in cui scrivono persone varie e gli articoli vengono copiati e ripresi da altri blog o altre fonti, perciò in genere per leggere l'articolo per intero troverete il link diretto al blog interessato; in pratica, questi blog trovano le notizie che reputano più interessanti sul web (già scritte da un altro autore) e le aggregano in un unico contenitore citando le fonti originali (altrimenti non potrebbero farlo). Contenuti originali ZERO. La mia opinione è che è molto meglio diventare lettori dei singoli blog se li si trova interessanti, anche se questo prevede che si spenda un minimo di tempo in più per andare alla ricerca e selezionare le notizie veramente più interessanti.
  • Blog di Viaggio con informazioni varie, codici sconto, offerte di viaggio eccetera..Anche questi blog spesso sono meri aggregatori di notizie, nel senso che i contenuti sono originali, scritti e riportati effettivamente dall'autore del blog, però si tratta di notizie raccolte qua e là, che possono essere interessanti e utili, ma che probabilmente potrete ritrovare tali e quali anche in almeno un'altra decina di blog simili. Questo tipo di blog può essere utile per rimanere aggiornati su offerte ed occasioni di viaggio, ma soltanto se l'autore posta notizie prima accuratamente verificate, ed in molti casi, se è lui stesso un viaggiatore (non è per niente scontato che sia così, a volte chi scrive in blog di viaggio non sa nulla di viaggi).
  • Blog che parlano di viaggi, ma i cui autori non sono viaggiatori. Ebbene sì, esistono anche questi. Nel variopinto mondo del "travel blogging", molti si stanno sviluppando come veicolo prettamente pubblicitario per aziende ed enti del turismo, i blogger sono pagati per scrivere a proposito di determinate realtà o eventi turistici. É una forma di pubblicità, nulla più, come lo sono i banner che potete vedere anche in questa pagina. Con la differenza che il banner è riconoscibile come tale, cioè come messaggio pubblicitario; molti di questi articoli, post o addirittura interi siti sponsorizzati, invece, non sono così facilmente riconoscibili come realtà pubblicitarie. Possono essere scambiati per contenuti genuini di persone che viaggiano esse stessa in prima persona, soprattutto agli occhi di un utente frettoloso e non molto avezzo a riconoscere i diversi tipi di contenuti. Perciò, se vi capita di leggere di termini quali "BLOG-TOUR" sappiate che si tratta di eventi pubblicitari, in cui chi scrive è pagato per farlo, e non vi parlerà mai male di un determinato territorio, ente, albergo o evento.
  • Un esempio? provate a fare una ricerca su google inserendo le parole "blog tour" e vedete cosa salta fuori. Ancora peggio, quando gli articoli sponsorizzati sono mescolati, all'interno dello stesso blog, ad altri di viaggi reali ed eventi personali.. bel casino! voi vi fidereste della recensione di uno che è stato pagato per scriverla? io no!

ANDIAMO AVANTI.

  • Blog personali di viaggio...... per me sono i migliori! Qua si parla di persone che in primo luogo viaggiano essi stessi, e poi scrivono! A volte chi scrive lo fa in diretta LIVE mentre sta visitando un determinato luogo oppure i contenuti possono essere riportati in seguito, una volta rientrati dal viaggio. Anche all'interno di questo tipo di blog a volte vengono affrontati argomenti generici che riguardano il mondo dei viaggi e notizie di attualità, ma per la stragrande maggioranza si tratta di racconti di esperienze vissute e scritte in prima persona.

Un esempio: UNA DONNA CON LA VALIGIA >>

Siti di Recensioni.

Il più famoso (e controverso) è Tripadvisor, il quale non ha certo bisogno di presentazioni, è il sito che tratta di recensioni turistiche più diffuso e conosciuto della rete. Su Tripadvisor si possono leggere recensioni di alberghi, ristoranti, servizi turistici; queste recensioni possono essere inserite da chiunque, perciò è plausibile che non sempre siano attendibili, perchè non è dato sapere se la persona che scrive sia stata veramente o meno nel posto di cui parla. Sempre su Tripadvisor, si possono anche frequentare forum di discussione in cui i viaggiatori danno consigli, alcuni dovrebbero essere più esperti di altri (vengono definiti Esperti Locali), ma a me non sempre sembra che sia così.. insomma ogni consiglio in questo caso è da prendere veramente con le molle!

Un altro sito di recensioni che ogni tanto consulto è anche https://it.trustpilot.com/ , è in inglese e contine recensioni di ogni tipo, non solo di viaggi.

É bene fidarsi o no di recensioni e consigli di viaggio?

Fatto salvo che le opinioni che si possono leggere nei siti di recensioni bisogna prenderle molto alla larga, e che di quelle dei blogger che in realtà sono pagati per scrivere ne possiamo fare tranquillamente a meno, è lecito chiedersi quanto siano attendibili anche le notizie ed i "consigli" che si possono leggere sulle web communities di viaggio? in quei forum o blog, cioè, scritti da gente che i viaggi li fa veramente, a proprie spese e che non riportano semplicemente notizie o contenuti già scritti da altri, che nulla hanno a che fare con l'esperienza diretta e personale.

A volte anche nei forum, infatti, si leggono opinioni completamente discordanti sulla stessa struttura o attrazione turistica, e questo può dipendere dal fatto che anche qua a volte si possono intrufolare soggetti che in realtà tentano di pubblicizzare qualcosa o di denigrare qualcos'altro. Questi casi in verità però sono ababstanza rari, se il forum o la community sono ben gestite. Molto spesso, si tratta semplicemente del fatto che le persone ed i viaggiatori sono molto diversi, si hanno aspettative diverse e perciò a volte è anche lecito avere opinioni molto differenti. Oppure può succedere di essere stati sfortunati ed essere incappati, per esempio, in una stanza d'albergo non ben tenuta, quando invece solitamente quella struttura è molto curata.

IL MIO CONSIGLIO: Se avete dei dubbi, parlate con gli utenti del forum che hanno scritto la recensione, controllate anche quanto sono attivi. Se si sono iscritti apposta per scrivere quanto faccia schifo un posto, e non hanno mai avuto nessun'altra attività o non l'hanno corredata con foto, oppure non rispondono ad un vostro messaggio privato, allora ignorateli. Se non sono utenti affidabili è possibile che prima o poi vengano allontanati dal sito dagli amministratori stessi, magari potete voi stessi fare una segnalazione se avete dei dubbi.

Se avete dei dubbi sui contenuti scritti in qualche articolo di blog, invece, interpellate direttamente l'autore: in quasi tutti i siti esiste un modulo "contatti". Se il blogger conosce personalmente il luogo di cui sta parlando, probabilmente vi risponderà volentieri. Se invece la persona in questione ha scritto l'articolo semplicemente facendo un riassunto da varie altre fonti vi renderete subito conto che non vale la pena di chiedere spiegazioni, spesso nemmeno vi sapranno citare le loro fonti.

Ti sono state utili queste informazioni? condividile con i tuoi amici!

 

 

 

 

TROVAMI ANCHE SUI SOCIAL

chi e mafalda I miei viaggi

Il posto del mio cuore...

Nuova Caledonia, il viaggio di una vita >>

I contenuti più recenti:

NEW! Diario di Viaggio Mauritius 2016 >>

diari di viaggio racconti di viaggio

diario di viaggio florida on the roaddiario di viaggio florida on the roaddiario di viaggio scoziadiario di viaggio costa azzurra provenza diario di viaggio abaco bahamas viaggio itinerante tra Francia e Spagna on the road TIVOLI Exuma, Bahamas MIAMI nuova caledonia racconto di viaggio Milano Colonia, Gernmania Aquitania e BordeauxPaesi Baschi Costa Brava RACCONTO MARTINICA RACCONTO WEEKNED A PARIGI MARTINICA SEYCHELLES MAR ROSSO MAURITIUS CANARIE MARIE GALANTE GUADALUPA GUADALUPA REPUBBLICA DOMINICANA ZOOSAFARIDANIMARCA Costa balnca e valencia

Resta aggiornato, iscriviti alla Newsletter!

* campi obbligatori